Categorie
Indice Coin e Token

Huobi Token

Se desideri sapere dove acquistare il token Huobi, i migliori scambi per il trading di token Huobi sono attualmente Huobi Global, FTX, BitForex, BitZ e Hotcoin Global.

Huobi Token (HT) è un token basato sullo scambio e la valuta nativa dello scambio crittografico Huobi. L’HT può essere utilizzato per acquistare piani mensili di stato VIP per sconti sulle commissioni di transazione, votare le decisioni di scambio, ottenere l’accesso anticipato a eventi speciali Huobi, ricevere ricompense crittografiche dai riacquisti stagionali e fare trading con altre criptovalute elencate sull’exchange Huobi.

Categorie
Indice Coin e Token

Bitcoin SV

Cos’è Bitcoin SV (BSV)?

Bitcoin SV è il risultato di molti drammi sulla blockchain di BTC.

Tutto è iniziato quando Bitcoin ha subito un hard fork nel 2017, dividendo la rete e risultando nella creazione di un nuovo altcoin chiamato Bitcoin Cash.

Un anno dopo, nel 2018, Bitcoin Cash ha subito un hard fork tutto suo, ed è nato Bitcoin SV.

Bitcoin SV (SV sta per Satoshi Vision) si autodefinisce come il Bitcoin originale, una criptovaluta che rimane fedele agli obiettivi del fondatore pseudonimo Satoshi Nakamoto.

Gli obiettivi principali di BSV includono la fornitura di stabilità e il raggiungimento della scalabilità, qualcosa che la blockchain BTC originale ha faticato a raggiungere.

Il sito web del progetto dice: “Bitcoin SV ha lo scopo di fornire una scelta chiara per i miner e consentire alle aziende di creare applicazioni e siti web in modo affidabile”.

Chi sono i fondatori di Bitcoin SV (BSV)?

Una persona che è stata strettamente associata alla creazione di Bitcoin SV è l’imprenditore australiano Craig Wright, che a sua volta ha affermato di essere Satoshi Nakamoto. È il fondatore della società fintech nChain e ha fatto pressioni a favore dell’hard fork perché non era d’accordo con le proposte di aggiornamento che erano state avanzate per BSV.

L’imprenditore Calvin Ayre è stato anche un sostenitore vocale di Bitcoin SV e ha regolarmente cercato opportunità di investimento in progetti che sono stati costruiti sulla blockchain.

Cosa rende unico Bitcoin SV (BSV)?

Ci sono diversi mercati che BSV spera di raggiungere e casi d’uso che vuole raggiungere che i sostenitori dicono che Bitcoin e Bitcoin Cash non possono fornire.

BTC è considerato da alcuni come un asset speculativo, piuttosto che adatto ai pagamenti quotidiani. Al contrario, BSV afferma di poter “sostituire ogni sistema di pagamento al mondo con una migliore esperienza utente, un costo commerciale più economico e un livello di sicurezza più sicuro”.

Bitcoin SV vuole anche fungere da soluzione blockchain aziendale per le aziende interessate a saperne di più su ciò che questa tecnologia ha da offrire.

Rispetto ai suoi fratelli maggiori, BSV mira a distinguersi anche dal punto di vista della scalabilità. Bitcoin SV afferma di avere una dimensione del blocco molto più grande rispetto ai suoi predecessori e, di conseguenza, può gestire più transazioni su base giornaliera.

Quante monete Bitcoin SV (BSV) ci sono in circolazione?

Sebbene BSV miri a offrire alcuni miglioramenti tangibili rispetto a BTC, ci sono alcune cose che queste due criptovalute continuano ad avere in comune: la loro fornitura massima di 21 milioni.

Proprio come Bitcoin, anche Bitcoin SV subisce dimezzamenti, in cui i premi di blocco per i minatori vengono ridotti del 50%. L’unica differenza è che, mentre Bitcoin ha avuto tre di questi eventi – nel 2012, 2016 e 2020 – Bitcoin SV ne ha avuti solo uno.

Come viene protetta la rete Bitcoin SV?

Le somiglianze non finiscono qui. Bitcoin SV utilizza anche il meccanismo di consenso proof-of-work. Nel caso in cui tu non abbia familiarità con questo concetto, ecco un promemoria: prima che un blocco possa essere aggiunto a una catena, i miner devono trovare la risposta a un complesso puzzle matematico utilizzando la loro potenza di calcolo. Il minatore che esegue questa operazione per primo ottiene una ricompensa per il blocco e questa infrastruttura aiuta a prevenire attacchi dannosi.

Dove puoi acquistare Bitcoin SV (BSV)?

Bitcoin SV è quotato nelle principali borse, tra cui OKEx e Bitfinex, oltre a dozzine di piattaforme più piccole. Tuttavia, non è elencato su Binance. Questa azienda ha deciso di rimuovere BSV nel 2019 perché BSV non soddisfaceva i suoi standard.

Categorie
Indice Coin e Token

Aave

Cos’è Aave (AAVE)?

Aave è un protocollo di finanza decentralizzato che consente alle persone di prestare e prendere in prestito criptovalute.

I finanziatori guadagnano interessi depositando risorse digitali in pool di liquidità appositamente creati. I mutuatari possono quindi utilizzare la propria criptovaluta come garanzia per contrarre un prestito flash utilizzando questa liquidità.

Aave (che significa “fantasma” in finlandese) era originariamente noto come ETHLend quando è stato lanciato nel novembre 2017, ma il rebranding in Aave è avvenuto nel settembre 2018 (questo aiuta a spiegare perché il ticker di questo token è così diverso dal suo nome!)

AAVE fornisce ai titolari tariffe scontate sulla piattaforma e funge anche da token di governance, dando ai proprietari voce in capitolo nello sviluppo futuro del protocollo.

Chi sono i fondatori di Aave?

Aave e il suo predecessore ETHLend sono stati fondati da Stani Kulechov. All’epoca, era frustrato dalla mancanza di richieste di prestito su Ethereum e il suo progetto era stato costruito prima ancora che esistesse la finanza decentralizzata.

Kulechov è un imprenditore seriale che ha frequentato la facoltà di legge e ha iniziato a programmare quando era un adolescente. È stato uno dei primi ad adottare lo spazio blockchain. Il CEO ha affermato di voler rinominare ETHLend come Aave in modo che la società potesse offrire una gamma più ampia di servizi oltre al prestito Ether.

Secondo Kulechov, il principale mercato di riferimento di Aave sono le persone che sono già impegnate nella comunità delle criptovalute.

Cosa rende Aave unico?

Aave ha diversi punti di forza unici rispetto ai concorrenti in un mercato sempre più affollato. Durante la mania della DeFi nell’estate del 2020, è stato uno dei più grandi progetti in termini di valore totale della crittografia bloccata nel suo protocollo.

Il progetto consente alle persone di prendere in prestito e prestare circa 20 criptovalute, il che significa che gli utenti hanno una maggiore possibilità di scelta. Uno dei prodotti di punta di Aave sono i “prestiti flash”, che sono stati fatturati come la prima opzione di prestito non garantito nello spazio DeFi. C’è un problema: devono essere rimborsati all’interno della stessa transazione.

Un altro grande punto di forza è come coloro che prendono in prestito tramite Aave possono alternare tassi di interesse fissi e variabili. Mentre i tassi fissi possono fornire alcune certezze sui costi durante i periodi di volatilità nei mercati delle criptovalute, i tassi variabili possono tornare utili se il mutuatario pensa che i prezzi scenderanno nel prossimo futuro.

Quante monete AAVE (AAVE) ci sono in circolazione?

La circolazione è collegata al valore totale bloccato su Aave, poiché i token vengono bruciati ogni volta che il protocollo raccoglie le commissioni.

Un’offerta iniziale di monete si è tenuta a novembre 2017, dove $ 16,2 milioni sono stati raccolti vendendo un miliardo di token AAVE a un tasso equivalente a $ 0,0162 al pezzo. All’epoca, il 23% dei token AAVE era stato assegnato ai suoi fondatori e al progetto.

I token AAVE sono stati costruiti sulla base dello standard ERC-20 e sono progettati per essere deflazionistici. In caso di carenza nel protocollo DeFi, i token puntati verrebbero utilizzati come garanzia come ultima risorsa.

Nel luglio 2020, Aave ha svelato i piani per tenere uno scambio di token. Ciò significa che gli 1,3 miliardi di token AAVE in circolazione sarebbero scambiati con la criptovaluta AAVE di nuova conio con un rapporto di 1: 100, creando una fornitura totale di 16 milioni di AAVE. (Tre milioni di questo sarebbero tenuti in riserva.)

Come viene protetta la rete Aave?

Il protocollo open source di Aave è basato su Ethereum, una blockchain che sta attualmente effettuando la transizione da Proof-of-Work a Proof-of-Stake.

Dove puoi acquistare Aave (AAVE)?

Alcuni dei più grandi scambi che elencano i token AAVE includono CoinDCX, Binance, CoinBene e OKEx.

Categorie
Indice Coin e Token

Binance USD

Cos’è BUSD?

Binance USD (BUSD) è una stable coin sostenuta da USD 1: 1 emessa da Binance (in collaborazione con Paxos), approvata e regolamentata dal Dipartimento dei servizi finanziari dello Stato di New York (NYDFS), il rapporto di audit mensile BUSD può essere visualizzato da il sito ufficiale. Lanciato il 5 settembre 2019, BUSD mira a fondere la stabilità del dollaro con la tecnologia blockchain. È una valuta fiat digitale, emessa come ERC-20 e supporta BEP-2.

Caso d’uso BUSD

Sulla base della stabilità dei prezzi, Stablecoin svolge un ruolo importante nelle transazioni, nei pagamenti e nei regolamenti e nella finanza decentralizzata (DeFi).

Ecco alcuni dei casi d’uso BUSD:

  • Trasferisci i tuoi dollari digitali (BUSD) ovunque in pochi minuti, a basso costo e su blockchain.
  • Fai trading su BUSD su diverse borse e DEX.
  • Deposita BUSD per guadagnare un tasso di interesse.
  • Paga BUSD come pagamento per beni e servizi.
  • Usa BUSD come garanzia e asset di prestito.
  • Usa BUSD come garanzia incrociata nei Futures.
  • Memorizza BUSD in una borsa valori o in un portafoglio.
Categorie
Indice Coin e Token

Neo

Cos’è Neo (NEO)?

Neo si autodefinisce come un ecosistema in “rapida crescita e sviluppo” che ha l’obiettivo di diventare la base per la prossima generazione di Internet, una nuova economia in cui si uniscono pagamenti, identità e risorse digitalizzati.

Inizialmente noto come Antshares, questo progetto era ritenuto la prima blockchain pubblica in Cina quando è stato lanciato nel febbraio 2014. La piattaforma open source è stata successivamente rinominata Neo tre anni dopo.

Oltre a creare una comunità mondiale di sviluppatori che creano nuove infrastrutture per la rete e abbassano le barriere all’ingresso, il team dietro questo progetto gestisce un’iniziativa EcoBoost progettata per incoraggiare le persone a creare app decentralizzate e contratti intelligenti sulla sua blockchain.

È stato spesso paragonato alla versione cinese della rete Ethereum.

Chi sono i fondatori di Neo?

I co-fondatori di Neo e del suo predecessore Antshares sono Da Hongfei ed Erik Zhang. Entrambi servono come presidenti della Neo Foundation, che mira a promuovere l’adozione della blockchain.

Da Hongfei ha affermato che, sebbene Internet sia una grande invenzione, ha molti difetti e questo significa che i consumatori di tutti i giorni non hanno sempre il controllo sui propri dati. L’imprenditore ritiene che le applicazioni blockchain alla fine diventeranno mainstream.

Erik Zhang è stato l’autore dell’algoritmo di tolleranza agli errori bizantini delegati, che mira a dissuadere i partecipanti inaffidabili dal prendere parte all’operazione della blockchain. Questa tecnologia è stata utilizzata nella blockchain Neo. È stato anche lo sviluppatore principale di questa rete e sta svolgendo un ruolo fondamentale nello sviluppo di Neo 3.0, la prossima iterazione dell’infrastruttura del progetto.

Cosa rende Neo unico?

Uno dei punti di forza unici della blockchain Neo riguarda il suo continuo sviluppo, che aiuta a garantire che sia a prova di futuro e in grado di far fronte a improvvisi aumenti della domanda. Come accennato in precedenza, il progetto ha sviluppato Neo 3.0, migliorando la sicurezza della rete e consentendo l’elaborazione di un maggior numero di transazioni al secondo.

A differenza di molti altri blockchain, questa rete ha anche due token nativi: NEO e GAS. Mentre NEO funge da token di investimento e consente alle persone di partecipare a voti riguardanti miglioramenti alla blockchain, GAS viene utilizzato per pagare le commissioni per le transazioni che vengono completate sulla rete.

Pochi altri progetti blockchain gestiscono anche un fondo di sviluppo nella misura in cui lo fa Neo. EcoBoost è stato lanciato nel 2019 ed è stato pubblicizzato come un’iniziativa che fornisce “supporto completo del ciclo di vita per progetti ad alto potenziale”, comprese sovvenzioni, supporto tecnico e promozione sui social media.

Quante monete Neo (NEO) ci sono in circolazione?

Al momento della scrittura, ci sono 70,5 milioni di NEO in circolazione e una fornitura totale di 100 milioni. I token NEO non vengono estratti e, in effetti, tutti i 100 milioni di essi sono stati generati quando è stata lanciata la blockchain.

Questi token sono stati distribuiti su base 50/50, metà dei quali è andato ai partecipanti a una vendita di token e l’altra metà è stata divisa tra gli sviluppatori e il Consiglio NEO. All’epoca, è stato confermato che questi fondi sarebbero stati utilizzati per investire in altri protocolli blockchain supportati dall’organizzazione.

Nel frattempo, GAS viene generato ogni 20 secondi circa, ogni volta che viene creato un nuovo blocco. Il numero di token creati si riduce gradualmente ogni anno e si stima che occorreranno 22 anni prima che la fornitura totale di 100 milioni entri in circolazione.

Come viene protetta la rete Neo?

Come accennato in precedenza, Neo utilizza Delegated Byzantine Fault Tolerance e si stima che la blockchain sia in grado di elaborare migliaia di transazioni al secondo.

Secondo Neo, il meccanismo dBFT è stato ispirato dall’algoritmo Practical Byzantine Fault Tolerance.

Ci sono un paio di somiglianze con il proof-of-stake delegato, dato che entrambi i meccanismi di consenso consentono ai titolari di token di votare per i delegati che elaboreranno le transazioni.

Attraverso dBFT, i blocchi vengono aggiunti a una blockchain fintanto che almeno due terzi dei delegati raggiungono il consenso – e si spera che questo aiuti a impedire che i malintenzionati minino il buon funzionamento della rete.

Dove puoi acquistare Neo (NEO)?

NEO può essere acquistato su una serie di scambi, inclusi Binance, Poloniex e HitBTC. Ma non è disponibile universalmente e non è supportato da alcune piattaforme, come Coinbase.

Categorie
Indice Coin e Token

Monero

Cos’è Monero (XMR)?

Monero è stato lanciato nel 2014 e il suo obiettivo è semplice: consentire che le transazioni avvengano in privato e in anonimato. Anche se si pensa comunemente che BTC possa nascondere l’identità di una persona, spesso è facile risalire alla fonte originale dei pagamenti perché le blockchain sono trasparenti. D’altra parte, XMR è progettato per oscurare mittenti e destinatari allo stesso modo attraverso l’uso della crittografia avanzata.

Il team dietro Monero afferma che la privacy e la sicurezza sono le loro maggiori priorità, con la facilità d’uso e l’efficienza al secondo posto. Mira a fornire protezione a tutti gli utenti, indipendentemente da quanto tecnologicamente siano competenti.

Nel complesso, XMR mira a consentire pagamenti rapidi ed economici senza timore di censura.

Chi sono i fondatori di Monero?

Sette sviluppatori sono stati inizialmente coinvolti nella creazione di Monero, cinque dei quali hanno deciso di rimanere anonimi. Ci sono state voci secondo cui XMR è stato inventato anche da Satoshi Nakamoto, l’inventore di Bitcoin.

Le origini di XMR possono essere ricondotte a Bytecoin, una criptovaluta decentralizzata e incentrata sulla privacy che è stata lanciata nel 2012. Due anni dopo, un membro del forum Bitcointalk – noto solo come thanksfulfortoday – ha biforcato la base di codice di BCN, e Monero è nato. Avevano suggerito “modifiche controverse” a Bytecoin con cui altri nella comunità non erano d’accordo e avevano deciso di prendere in mano la situazione.

Si ritiene che centinaia di sviluppatori abbiano contribuito a XMR nel corso degli anni.

Cosa rende Monero unico?

Ci sono molte cose che rendono Monero unico. Uno dei principali obiettivi del progetto è raggiungere il massimo livello di decentralizzazione possibile, il che significa che un utente non ha bisogno di fidarsi di nessun altro sulla rete.

La privacy si ottiene attraverso alcune caratteristiche distintive. Mentre ogni Bitcoin in circolazione ha il proprio numero di serie, il che significa che l’utilizzo della criptovaluta può essere monitorato, XMR è completamente fungibile. Per impostazione predefinita, i dettagli sui mittenti, i destinatari e la quantità di crittografia trasferita sono oscurati e i sostenitori di Monero affermano che questo offre un vantaggio sulle monete per la privacy rivali come Zcash, che sono “selettivamente trasparenti”.

L’offuscamento si ottiene mediante l’uso di firme ad anello. Qui, gli output delle transazioni passate vengono prelevati dalla blockchain e agiscono come esche, il che significa che gli osservatori esterni non possono dire chi l’ha firmato. Se Ian stesse inviando 200 XMR a Susan, questo importo potrebbe anche essere suddiviso in blocchi casuali per aggiungere un ulteriore livello di difficoltà.

Per garantire che le transazioni non possano essere collegate tra loro, vengono creati indirizzi nascosti per ogni singola transazione che vengono utilizzati solo una volta.

Tutte queste caratteristiche distintive hanno portato XMR ad essere sempre più utilizzato per transazioni illecite invece di Bitcoin, specialmente sui mercati darknet. I governi di tutto il mondo, in particolare gli Stati Uniti, hanno anche offerto centinaia di migliaia di dollari a chiunque possa decifrare il codice di Monero.

Quante monete Monero (XMR) ci sono in circolazione?

Monero è un po ‘insolito in quanto una vendita di token non è stata tenuta per XMR e nemmeno i token sono stati premiati. Al momento della scrittura, l’offerta circolante di XMR è pari a 17.703.471.

Questa criptovaluta è progettata per essere resistente ai circuiti integrati specifici dell’applicazione, che sono comunemente usati per estrarre nuovi Bitcoin. In teoria, ciò significa che può essere possibile minare XMR utilizzando apparecchiature informatiche quotidiane.

Complessivamente, alla fine ci sarà un totale di 18,4 milioni di XMR in circolazione – e questo limite dovrebbe essere raggiunto il 31 maggio 2022. Successivamente, i minatori saranno incentivati ​​utilizzando le “emissioni di coda”, con una piccola quantità di XMR alimentata nel sistema ogni 60 secondi come ricompensa. Si ritiene che questo approccio sia più efficace del fare affidamento sulle commissioni di transazione.

Come viene protetta la rete Monero?

Uno degli obiettivi principali di Monero è prevenire la centralizzazione e questa rete utilizza un meccanismo di consenso chiamato CryptoNight, che si basa sulla prova di lavoro. Ciò impedisce alle grandi aziende minerarie di diventare una forza dominante.

Dove puoi acquistare Monero (XMR)?

A causa della sua natura di moneta per la privacy, XMR non è elencato in alcune delle principali borse. Ad esempio, sebbene tu possa acquistare XMR su Binance, non è supportato da Coinbase. Di conseguenza, potresti dover convertire la tua fiat in Bitcoin e passare attraverso una piattaforma di trading più piccola.

Categorie
Indice Coin e Token

Wrapped Bitcoin

Cos’è Wrapped Bitcoin [WBTC]?

Wrapped Bitcoin è una versione tokenizzata di Bitcoin (BTC) che gira sulla blockchain di Ethereum (ETH).

WBTC è conforme a ERC-20, lo standard di compatibilità di base della blockchain di Ethereum, che consente di essere completamente integrato nell’ecosistema di scambi decentralizzati, servizi di prestito crittografico, mercati di previsione e altre applicazioni di finanza decentralizzata (DeFi) abilitate per ERC-20 .

WBTC è inoltre supportato da Bitcoin con un rapporto 1: 1 tramite una rete di commercianti e custodi monitorati automaticamente, assicurando che il suo prezzo sia ancorato a Bitcoin in ogni momento e consenta agli utenti di trasferire liquidità tra le reti BTC e ETH in modo decentralizzato e modo autonomo.

Wrapped Bitcoin è stato annunciato per la prima volta il 26 ottobre 2018 e lanciato ufficialmente il 31 gennaio 2019.

Chi sono i fondatori di Wrapped Bitcoin?

Il progetto Wrapped Tokens, di cui WBTC fa parte, non è stato fondato da individui ma è piuttosto un progetto congiunto di tre organizzazioni: BitGo, Kyber Network e Ren.

BitGo, co-fondata nel 2013 dallo scienziato informatico e imprenditore americano Mike Belshe, è una società di servizi finanziari, di trading e di custodia di asset digitali istituzionali. Oltre ad essere uno degli sviluppatori di WBTC, BitGo funge anche da custode originale, l’entità che detiene i token WBTC e le chiavi necessarie per coniarne altri.

Kyber Network è un protocollo di liquidità su blockchain che consente l’integrazione di diversi token di criptovaluta e applicazioni DeFi. È stata fondata nel 2017 da Loi Luu, Victor Tran e Yaron Velner e ha sede a Singapore. Insieme a Ren, Kyber Network ha contribuito a creare WBTC e funge ancora da commerciante sulla sua rete, l’istituzione che conia e brucia i token WBTC per mantenere il rapporto 1: 1 tra token e riserve di BTC.

Analogamente a Kyber, Ren è una società focalizzata sull’integrazione cross-blockchain di asset di criptovaluta e applicazioni DeFi tramite soluzioni come RenBridge, RenVM e altri. È stata fondata nel 2017 da Taiyang Zhang e Loong Wang.

Cosa rende unico il bitcoin avvolto?

In virtù di essere la criptovaluta più antica e più grande sul mercato, Bitcoin può vantare un’enorme base di utenti e un pool di liquidità di diverse dozzine di miliardi di dollari. Tuttavia, la sua funzionalità blockchain è relativamente semplice per gli standard moderni.

A differenza di Bitcoin, Ethereum è stato costruito da zero per supportare casi d’uso più avanzati utilizzando la tecnologia dei contratti intelligenti, dando origine a un intero settore denominato “finanza decentralizzata”.

Ethereum e i prodotti da esso derivati ​​offrono ai propri utenti strumenti finanziari avanzati come prestiti e assicurazioni, che non si affidano a intermediari fidati.

“Avvolgendo” BTC nello standard ERC-20, WBTC consente la piena integrazione di un asset simile a Bitcoin in questo ambiente avanzato di applicazioni finanziarie decentralizzate, portando con sé l’immensa liquidità associata al mercato BTC.

Inoltre, Wrapped Bitcoin semplifica notevolmente il lavoro per scambi, portafogli e servizi di pagamento che funzionano con Ethereum: invece di dover eseguire due nodi separati per le reti ETH e BTC, possono supportare le operazioni WBTC con un solo nodo Ethereum.

Infine, il blocktime medio più veloce della blockchain di Ethereum – rispettivamente circa 15 secondi contro 10 minuti – aumenta la velocità con cui è possibile effettuare transazioni WBTC, rispetto ai bitcoin effettivi.

Quante monete Wrapped Bitcoin [WBTC] ci sono in circolazione?

Non esiste un programma predeterminato per l’emissione di WBTC. Invece, WBTC viene coniato o bruciato automaticamente ogni volta che gli utenti acquistano o vendono i loro token per Bitcoin tramite un sistema di commercianti e custodi.

Poiché Wrapped Bitcoin è sempre supportato da Bitcoin con un rapporto 1: 1, il numero di token in circolazione dipende direttamente dalla quantità di riserve di Bitcoin nella rete WBTC. A partire da ottobre 2020, quel numero era di poco superiore a 94.000 token, per un valore totale di circa 1 miliardo di dollari.

Come viene protetta la rete Wrapped Bitcoin?

I token WBTC sono protetti dalla blockchain madre su cui vengono eseguiti: Ethereum. A sua volta, ETH è protetto dalla funzione di prova di lavoro Ethash, un rappresentante della famiglia di funzioni hash Keccak.

Dove puoi acquistare Wrapped Bitcoin [WBTC]?

Puoi acquistare WBTC su diversi exchange, sia centralizzati che decentralizzati, che fungono da commercianti sulla rete Wrapped Bitcoin. Alcuni dei principali includono:

  • Uniswap
  • Binance
  • OKEx
  • Huobi Global
  • Kyber Network
Categorie
Indice Coin e Token

Filecoin

Cos’è Filecoin (FIL)?

Filecoin è un sistema di archiviazione decentralizzato che mira a “memorizzare le informazioni più importanti dell’umanità”. Il progetto ha raccolto 205 milioni di dollari in un’offerta iniziale di monete (ICO) nel 2017 e inizialmente prevedeva una data di lancio per la metà del 2019. Tuttavia, la data di lancio della mainnet Filecoin è stata posticipata fino al blocco 148.888, previsto per metà ottobre 2020.

Il progetto è stato descritto per la prima volta nel 2014 come un livello di incentivazione per l’Interplanetary File System (IPFS), una rete di archiviazione peer-to-peer. Filecoin è un protocollo aperto e supportato da una blockchain che registra gli impegni presi dai partecipanti alla rete, con transazioni effettuate utilizzando FIL, la valuta nativa della blockchain. La blockchain si basa sia sulla prova di replica che sulla prova dello spaziotempo.

Chi sono i fondatori di Filecoin?

Filecoin è stata fondata da Juan Benet, che ha anche creato l’Interplanetary File System. Benet è uno scienziato informatico americano che ha studiato alla Stanford University. Dopo aver fondato Protocol Labs nel maggio 2014, ha frequentato Y Combinator nell’estate del 2014 con l’intenzione di supportare sia IPFS che Filecoin, così come altri progetti.

Cosa rende Filecoin unico?

Filecoin mira a memorizzare i dati in modo decentralizzato. A differenza delle società di cloud storage come Amazon Web Services o Cloudflare, che sono inclini ai problemi di centralizzazione, Filecoin sfrutta la sua natura decentralizzata per proteggere l’integrità della posizione dei dati, rendendoli facilmente recuperabili e difficili da censurare.

I sistemi di archiviazione decentralizzati come Filecoin consentono alle persone di essere i propri custodi dei propri dati, oltre a rendere il Web più accessibile alle persone di tutto il mondo. Poiché la partecipazione alla rete Filecoin tramite mining e archiviazione è direttamente correlata alla conquista di più premi in blocco, Filecoin incentiva i partecipanti ad agire in modo onesto e memorizzare quanti più dati possibile

Quante monete Filecoin (FIL) ci sono in circolazione?

Protocol Labs descrive la tokenomica di Filecoin, o modello economico, come un “mercato di dati” in cui gli utenti possono vendere il proprio spazio di archiviazione ad altri utenti, che stanno cercando di affittare. Cinque parti interessate potranno scambiare token: sviluppatori, clienti, minatori, titolari di token e partner dell’ecosistema. Ci saranno anche tre mercati Filecoin, secondo Protocol Labs: archiviazione di file, recupero di file e scambio di token in borsa.

Nell’autunno del 2020, 400 miners hanno partecipato a quella che è stata chiamata la fase di testnet “Space Race”, aumentando la capacità di dati della rete di Filecoin di oltre 325 pebibyte; circa 3,5 milioni di token FIL verranno rilasciati ai partecipanti alla Space Race.

Come viene protetta la rete Filecoin?

Filecoin è protetto tramite proof-of-replication e proof-of-spaziotempo. Nella rete Filecoin, i nodi noti anche come minatori di recupero sono in competizione per servire i clienti con i dati il ​​più rapidamente possibile. Vengono quindi ricompensati con tariffe FIL, che incoraggiano una rete di nodi che desiderano replicare e preservare i file.

I nodi del minatore di archiviazione sono costantemente in competizione per contratti per fornire spazio di archiviazione ai client per un periodo di tempo specifico. Quando uno storage miner e il suo cliente concordano un accordo, lo storage miner conserva i dati del cliente in un settore e li “sigilla” per creare una copia univoca dei dati di quel settore. I minatori di archiviazione vengono premiati con FIL dai clienti come commissioni di affare e questi minatori possono anche minare blocchi e ricevere una ricompensa per blocchi.

Dove puoi acquistare Filecoin (FIL)?

Prima del lancio sulla mainnet di Filecoin, Gemini e Kraken hanno annunciato il supporto per FIL. Huobi elencherà FIL dopo che la mainnet sarà attiva.

Categorie
Indice Coin e Token

TRON

Cos’è TRON (TRX)?

TRON è un sistema operativo basato su blockchain che mira a garantire che questa tecnologia sia adatta all’uso quotidiano. Mentre Bitcoin può gestire fino a sei transazioni al secondo e Ethereum fino a 25, TRON afferma che la sua rete ha una capacità di 2.000 TPS.

Questo progetto è meglio descritto come una piattaforma decentralizzata incentrata sulla condivisione di contenuti e sull’intrattenimento e, a tal fine, una delle sue più grandi acquisizioni è stata il servizio di condivisione di file BitTorrent nel 2018.

Nel complesso, TRON ha suddiviso i suoi obiettivi in ​​sei fasi. Questi includono la fornitura di una semplice condivisione di file distribuita, la guida alla creazione di contenuti attraverso ricompense finanziarie, consentendo ai creatori di contenuti di lanciare i propri token personali e decentralizzando l’industria dei giochi.

TRON è anche una delle blockchain più popolari per la creazione di DApp.

Chi sono i fondatori di TRON?

TRON è stata fondata da Justin Sun, che ora è CEO. Formatosi all’Università di Pechino e all’Università della Pennsylvania, è stato riconosciuto da Forbes Asia nella sua serie 30 Under 30 per imprenditori.

Nato nel 1990, in passato è stato anche associato a Ripple, in qualità di rappresentante principale nell’area della Grande Cina.

Cosa rende TRON unico?

TRON si è posizionato come un ambiente in cui i creatori di contenuti possono connettersi direttamente con il loro pubblico. Eliminando le piattaforme centralizzate, che si tratti di servizi di streaming, app store o siti di musica, si spera che i creator non finiscano per perdere la stessa commissione per gli intermediari. A sua volta, ciò potrebbe anche rendere i contenuti meno costosi per i consumatori. Dato il modo in cui il settore dell’intrattenimento sta diventando sempre più digitalizzato, TRON potrebbe avere un vantaggio nell’applicare la tecnologia blockchain a questo settore.

La società afferma anche di avere un team di sviluppatori talentuoso ed esperto, con sede in tutto il mondo, che è stato scelto da grandi aziende come Ripple Labs.

Ultimo ma non meno importante, mentre alcuni altri progetti blockchain possono essere opachi sui loro piani di sviluppo, TRON offre un punto di differenza fornendo una roadmap che mostra le sue intenzioni per i prossimi anni.

Quante monete TRON (TRX) ci sono in circolazione?

TRON ha una fornitura totale di poco più di 100 miliardi di token e al momento della scrittura, circa 71,6 miliardi di questi sono in circolazione.

Quando si è tenuta una vendita di token nel 2017, 15,75 miliardi di TRX sono stati assegnati a investitori privati, mentre altri 40 miliardi sono stati destinati ai partecipanti all’offerta iniziale di monete. La Fondazione Tron ha ricevuto 34 miliardi e una società di proprietà di Justin Sun ha ottenuto 10 miliardi.

Tutto sommato, ciò significa che il 45% della fornitura di TRX è andato al fondatore e al progetto stesso, mentre il 55% è stato distribuito tra gli investitori. I critici sostengono che questo è un rapporto molto più alto di quello che è stato visto con altri progetti di criptovaluta.

Come viene protetta la rete TRON?

TRON utilizza un meccanismo di consenso noto come proof-of-stake delegato.

I proprietari di TRX possono congelare la loro criptovaluta per ottenere Tron Power, il che significa che possono votare per “super rappresentanti” che fungono da produttori di blocchi.

Questi produttori di blocchi ricevono premi TRX in cambio della verifica delle transazioni e questi premi vengono quindi distribuiti tra le persone che li hanno votati.

Secondo TRON, questo approccio aiuta la sua blockchain a raggiungere livelli più elevati di throughput.

Dove puoi acquistare TRON (TRX)?

È possibile acquistare Tron da dozzine degli scambi in cui è elencato, inclusi Poloniex, Bancor, KuCoin, Binance, Bitfinex, Coinbene e altri. Tuttavia, non è supportato da Coinbase.

Categorie
Indice Coin e Token

THETA

Cos’è Theta (THETA)?

Theta (THETA) è una rete basata su blockchain creata appositamente per lo streaming video. Lanciata a marzo 2019, la mainnet Theta opera come una rete decentralizzata in cui gli utenti condividono la larghezza di banda e le risorse di elaborazione su base peer-to-peer (P2P) .Il progetto è consigliato da Steve Chen, co-fondatore di YouTube e Justin Kan, co-fondatore di Twitch.

Theta presenta il proprio token di criptovaluta nativo, THETA, che svolge varie attività di governance all’interno della rete e conta Google, Binance, Blockchain ventures, Gumi, Sony Europe e Samsung come validatori aziendali, insieme a una rete Guardian di migliaia di guardiani gestiti dalla comunità nodi.

Gli sviluppatori affermano che il progetto mira a scuotere l’industria dello streaming video nella sua forma attuale: centralizzazione, scarsa infrastruttura e costi elevati significano che gli utenti finali spesso finiscono con una scarsa esperienza. Allo stesso modo, i creatori di contenuti guadagnano meno entrate a causa delle barriere tra loro e gli utenti finali.

Chi sono i fondatori di Theta?

Theta è stata co-fondata da Mitch Liu e Jieyi Long nel 2018. Liu ha una lunga storia nel settore dei videogiochi e dei video, ha co-fondato la società di pubblicità video Tapjoy, la startup di mobile social gaming Gameview Studios e THETA.tv, la piattaforma di live streaming il cui DApp è stato il primo ad essere costruito sul protocollo Theta.

Long è il secondo co-fondatore e CTO di Theta, dopo un’esperienza pluriennale simile nell’automazione del design, nei giochi, nella realtà virtuale e nei sistemi distribuiti su larga scala. È autore di numerosi articoli accademici sottoposti a revisione paritaria e detiene vari brevetti in streaming video, blockchain e realtà virtuale.

Theta ora ha un team modesto e il suo sito web ufficiale elenca investitori aziendali strategici come Samsung NEXT, Sony Innovation Fund, investitori multimediali BDMI Bertelsmann Digital Media Investments, CAA Creative Artists Agency e VC tradizionali della Silicon Valley tra cui DCM, Sierra Ventures e VR Fund .

Cosa rende Theta unico?

Il concetto di business principale di Theta è decentralizzare lo streaming video, la consegna dei dati e l’edge computing, rendendolo più efficiente, conveniente ed equo per i partecipanti del settore.

La rete funziona su una blockchain nativa, con due token nativi, noti come Theta (THETA), Theta Fuel (TFUEL), che alimentano l’economia interna.

L’appeal di Theta è triplice: gli spettatori vengono ricompensati con un servizio di streaming di qualità migliore, i creatori di contenuti migliorano i loro guadagni e gli intermediari – piattaforme video – risparmiano sulla costruzione di infrastrutture e aumentano i ricavi da pubblicità e abbonamenti.

Gli utenti hanno un incentivo sia a guardare i contenuti di rete che a condividere le risorse di rete, poiché i premi arrivano sotto forma di token TFUEL.

La piattaforma è open source e i possessori di token ricevono poteri di governance come con molti ecosistemi blockchain basati su proof-of-stake (PoS).

Oltre a video, dati e computer, Theta si rivolge agli sviluppatori che desiderano lanciare applicazioni decentralizzate (DApp) sulla sua piattaforma di contratti intelligenti compatibile con EVM.

Quante monete Theta (THETA) ci sono in circolazione?

Theta coinvolge due gettoni: THETA e TFUEL. THETA esiste solo per scopi di governance, con 5 token TFUEL emessi per 1 THETA detenuto al momento del lancio della mainnet nel 2019.

La stessa THETA è stata lanciata nel 2018, momento in cui è stata distribuita agli acquirenti come token ERC-20 su Ethereum. Successivamente, tutti i THETA ERC-20 sono stati convertiti in THETA nativi sulla rete principale.

La fornitura totale di THETA è limitata a 1 miliardo (1.000.000.000) di token. È distribuito in varie proporzioni tra tutti i partecipanti alla rete, così come il team Theta stesso e un pool di riserva.

TFUEL viene utilizzato per alimentare le transazioni in modo simile al gas su Ethereum (ETH). La sua fornitura totale è di 5 miliardi (5.000.000.000) di token.

Come viene protetta la rete Theta?
Theta utilizza uno schema di incentivi finanziari per garantire la partecipazione degli utenti alle attività di governance, e quindi la sua rete è protetta dai propri utenti.

La rete si basa sul proof-of-stake (PoS) e impiega un meccanismo di consenso bizantino di tolleranza ai guasti (BFT) multilivello per bilanciare la sicurezza con l’elevato throughput delle transazioni.

Con il lancio dei nodi Guardian nel giugno 2019, Theta ha assicurato che nessuna singola entità controlli la maggior parte dei token THETA in stake contemporaneamente.

Dove puoi acquistare Theta (THETA)?

THETA, come token principale per la piattaforma Theta, è liberamente negoziabile sulle principali borse. Le coppie includono criptovalute, valute legali e stablecoin.

A partire da ottobre 2020, le coppie con il volume più alto provengono da Binance, con la valuta di trading più popolare che è lo stablecoin Tether (USDT).